DISAPPEARS (USA/KRANKY) FEATURING STEVE SHELLEY (SONIC YOUTH)-sabato 21 maggio alle ore 22.00

sabato 21 maggio alle ore 22.00

DISAPPEARS (USA/KRANKY) FEATURING STEVE SHELLEY (SONIC YOUTH) @ CARACOL

La tua risposta: Parteciperò · Condividi · Evento pubblico

Sponsorizzate

Ora

sabato 21 maggio alle ore 22.00

Luogo

CIRCOLO ARCI CARACOLBattichiodi 8/10

Pisa (Pisa, Italy)


Creato da

CARACOL , Caracol Pisa

Maggiori informazioni

ASSOCIAZIONE STUDENTESCA MICROWAVES E CIRCOLO ARCI CARACOL PRESENTANO:DISAPPEARS (USA/KRANKY) LIVE

CIRCOLO ARCI CARACOL
via Battichiodi 8/10
PISA

Ingresso gratuito per studenti dell’Università di Pisa muniti di libretto. 10 € per tutti gli altri

SABATO 21 MAGGIO ORE 22

I Disappears sono una splendida band su Kranky che annovera ex membri di90 Day Men e alla batteria mr. STEVE SHELLEY (Sonic Youth)

Trame ossessive e minimal-lisergiche di scuola krauta, atmosfere velvettiane e melodie affogate nel rumore.
Imperdibili se vi piacciono: Jesus & Mary Chain, My Bloody Valentine, Can, Neu!, Velvet Underground, Wooden Shjips,

“groove insistente e marcato, vertiginose linee di basso come in una jam session jazz, voce che salmodia e chitarra in continuo andirivieni tra tensione ritmica e lunghi lanci psichedelici.. una delle espressioni più promettenti dell’odierna scena neopsichedelico-krauta” (7/8) Stefano Isidoro Bianchi (recensione e intervista suBlow Up di gennaio).

“Riattiva alla memoria l’immaginario hard psichedelico inglese di fine anni ’80 il comeback dei Disappears. Tutto quel sottobosco di rockers duri in fissa con la psych più dilatata e le ossessive reiterazioni kraute – dagli Spacemen 3 ai Loop fino ad arrivare agli Hair & Skin Trading Co. – sembrano convenuti al sabba orchestrato dall’ex 90 Day Men Brian Case (voce e chitarra) in combutta col chitarrista Jonathan van Herik, il bassista Damon Carruesco e il dimissionario drummer Graeme Gibson. C’è lo stesso gusto per ambientazioni post-industriali seppur con le debite distanze: l’Inghilterra tatcheriana dei sobborghi post-crisi era molto più deprimente e oscura rispetto alle lande da cui provengono i quattro ceffi qui presenti. Fatta salvo questo lieve scarto, gli strumenti in mano ai Disappears e i risultati non sono poi dissimili da quelli messi in atto ormai quasi un ventennio addietro da Loop et similia. Ossessività e reiterazione, distorsioni chitarristiche e drumming incessante, bassi groovey e atmosfere claustrofobiche, trance indotta a furia di procedere ipnotico: questi gli ormai ben noti ingredienti dispensati a piene mani in Guider e che pongono il quartetto americano sullo stesso piano di altri sbandati americani, drogati di kraute ossessività come Moon Duo o Wooden Shjips. Certo poi che un pezzo come Revisiting, 16 minuti di ipnosi spossante e urbane allucinazioni alla maniera dei krauti più drogati, rimette profondamente in pace col mondo in disgregazione” 7/10, Sentire & Ascoltare

http://www.myspace.com/disappearsmusic

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: