ANDREA CARBONI IN CONCERTO TERRAZZA DEL LEOCAFFE’ – STAZIONE LEOPOLDA 17 giugno 2011

VENERDì  17 giugno · 20.30 – 23.00

CIRCOLO ARCI CARACOL PRESENTA:ANDREA CARBONI IN CONCERTOTERRAZZA DEL LEOCAFFE’ – STAZIONE LEOPOLDA
Piazza Guerrazzi – PisaIngresso al concerto € 3
Concerto + Apericena € 7VENERDI’ 17 GIUGNO ORE 20.30
– N.B:IL CONCERTO TERMINERA’ ENTRO LE 23PRESSQUOTES DE “LA TERAPIA DEI SOGNI” (REDBIRDS/AUDIOGLOBE 2010) – IL PRIMO DISCO DI ANDREA CARBONI

“..i tredici ritratti di Carboni sono la rappresentazione del piccolo ecosistema in cui navigano, come tante particelle solitarie, i rappresentanti della nostra melodia. Si torna alla piccola musica da camera, all’uso del francese come seconda lingua, a una poetica fragile e delicata.”
XL Repubblica – Marzo 2010

“..Andrea Carboni, cantautore un po’ toscano, un po’ svizzero, giunge a questo suo debutto discografico da artista ormai maturo, forte di una vena sincera e toccante. Ha una sua personale visione del mondo e la esprime con sensibilità e intelligenza, senza lasciarsi mai sfiorare dall’ombra della banalità… ..anche dove, come nella bellissima Des Larmes Et Leurs Cendres, cantata in francese, il tenore delle emozioni si innalza, Andrea guadagna attenzione e rispetto alla sincera eleganza del suo dettato.”
Blowup – Aprile 2010

“..c’è insomma un bel mondo da scoprire in questo nuovo talento..”
Rumore – Febbraio 2010

“..un ottimo debutto per un cantautore che si sa muovere bene nei territori di confine, tra italiano e francese, tra canzone d’autore, rock ed elettronica. CONSIGLIATO”
Audio Video Foto Bild – Aprile 2010

“..è un giovane di sicura promessa Andrea Carboni, e fa piacere poter parlare di un disco Italiano che lascia intravedere delle ottime possibilità per il futuro..”
Raro! – Febbraio 2010

“..il panorama di riferimento è un cantautorato adulto che evita comunque le pretenziosità fini a se stesse. Il programma è compatto, sebbene prodigo di sfumature funzionali all’atmosfera dei singoli episodi: la title track, “L’ecosistema”, la suggestiva “Fingi”, “Salviamo almeno le forme”, “Tiritera dell’amore di un minuto” o il recupero della medesima “L’amore manifesto” parlano di un songwriter provvisto di una propria, colta visione artistica..”
Fuori Dal Mucchio – Aprile 2010

“…Sarà difficile che gli appassionati della musica italiana si stanchino di un album di questo tipo – summa stilistica di un interprete ammiccante e istrionico…”
Rockerilla – Febbraio 2010

“….un sound fatto di intrecci di chitarre che chiaroscurano, stille di luce in uno stagno in penombra colmo delle ninfee di Monet, e che devono molto alla lezione dei Radiohead..un progetto iniziato qualche anno fa, questo disco ha fascino e personalità, ma è timido e vuol farsi scoprire poco a poco, richiedendo tempo e pazienza. Dopodichè svela i suoi gioielli.”
Rockit – Febbraio 2010

“Un disco articolato e colto, figlio di una storia non del caso, cercato e voluto da Andrea Carboni, pianista/chitarrista/bassista dalle voce duttile ed insieme pungente, come si cerca e si vuole la realizzazione del proprio sogno, come si ama e si protegge la poesia quale senso primo dello sguardo, della visione. Ispirante ed ispirato.“
Lost Highways – Giugno 2010

“Tra ballate rarefatte, e marce dolenti, il cantautore pisano assembla un disco dal grande coinvolgimento, rivelandoci una nuova, promettente realtà nel cantautorato tricolore.”
LosingToday – Febbraio 2010

” Si fortifica live all’estero, spesso tra Svizzera e Francia, assimila il francese come fosse lingua madre e cresce.. ..nel 2008 mette insieme gli input inviatigli dalle tarme che si agitano nella sua anima, li cesella e rende La Terapia Dei Sogni un gran bel biglietto da visita. Impronta cantautorale tra il Benvegnù solista, Black Eyed Dog e la sacralità di certo Cesare Basile, ma arrangiamenti curati e ricchi, non debordanti o pacchiani. Testi arguti e densi di quello spleen che accomuna e penetra i cuori degli ascoltatori.. Sentito.”
Audiodrome – Marzo 2010

“..come tutta la sua passata produzione, convince anche questo album, che si dipana leggero fra melodie di chitarra acustica da chansonnier folk e virate verso una musica più teatrale e sofferente spesso incalzate da arrangiamenti di archi che stupiscono per violenza ed inquietudine..”
Outune – Marzo 2010

“..stupisce la padronanza totale dei suoni percepita dall’ascoltatore, cosa molto rara in un cantautore emergente, una capacità che passa da un suono intimo ad uno urlato, dall’elettronica al violino, da un ritmo marziale ad una carezza.. ..un disco che parte da una chitarra ritmata e decisa ed arriva ad un dolce pianoforte, cantando l’amore, in 13 sfaccettature.. Applausi.”
Ondalternativa – Febbraio 2010

“..liriche ermetiche quanto basta per farsi amare dei più ricercati, affogate in una produzione cristallina e diretta. Coperte da un’ombra di decadentismo e sorrette da musiche arrangiate minuziosamente. … Ci sono voluti quattro anni per passare da “L’Amore Manifesto”, l’EP di esordio, a “La Terapia Dei Sogni”, il disco quello vero. In effetti, ne è valsa la pena.”
Loudvision – Marzo 2010

“Il disco di Andrea Carboni bagna di drammaticità il ‘ringiovanito’ panorama del cantautorato underground italiano…Perle come “Fingi” e “Livido” non potete lasciarvele scappare, figuratevi se poi arrivano anche quelle bombe strumentali (“Magici Mondi”) come neanche i Giardini di Mirò ne hanno proposte ultimamente, capiamo che qui si parla di roba seria..”
Indie For Bunnies – Febbraio 2010

..etc

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: