PROSSIMI CONCERTI ED EVENTI NOV-DIC 2011

20/11/11 MIKE COOPER & VIV CORRINGHAM (AN INSOLENT NOISE FESTIVAL)

22/11/11 “YAKUZA TALE” RASSEGNA CINEMATOGRAFICA : ore 21.30
“Walk Cheerfully – Passeggiate allegramente!” di Yasujiro Ozu 1930
accompagnamento musicale dal vivo di Alessandro Baris

23/11/11 CARLA BOZULICH’S EVANGELISTA(Can / Constellation)

25/11/11 LES PLASTIC MADAMES Dj set - Overflow (new Caracol Via San Martino 39) - Pisa

26/11/11  RIMANDATO a data da definirsi–>A CLASSIC EDUCATION

CARACOL 2.0:
2/12/11 DOPPELMOPPEL (quartetto) + CLAYTON THOMAS & ANDREA NEUMANN (AN INSOLENT NOISE FESTIVAL)

3/12/11 THE FIELD
8/12/11 TIM HECKER
9/12/11 ZOLA JESUS
13/12/11 PAT JORDACHE
15/12/11 I CANI

——————————————————————————————————————————-

domenica 20 novembre, ore 22
circolo Caracol, via Battichiodi 8/10, Pisa
VIV CORRINGHAM – MIKE COOPER DUO
Viv Corringham – voce
Mike Cooper – chitarra, elettronica

Quella del rebetiko è una storia – non solo musicale – drammatica e affascinante, probabilmente non abbastanza conosciuta. La musica greca dei bassifondi, a lungo proibita in Grecia nel secolo scorso, ha in realtà un’origine più complessa, che fa capo alle metropoli dell’Impero Ottomano in cui è fiorita tra le comunità greche assorbendo tante diverse influenze prima del tragico esodo dalla Turchia nel 1922. Basata sulla potenza drammatica del canto e sulle sonorità del suo strumento principe (cordofono), il bouzouki, questa musica mostra un potere ipnotico, una risonanza ideale capaci di andare oltre la sua larga diffusione nelle comunità greche nel mondo, e di continuare la propria storia anche nei territori della sperimentazione e dell’improvvisazione contemporanee. Musicisti di ambiti differenti hanno dedicato al rebetiko la loro attenzione: è il caso di Andy Moor, chitarrista degli Ex e protagonista della scena europea tra punk e improvvisazione, insieme a Yannis Kyriakides (compositore di origini cipriote ma cresciuto in Inghilterra e Olanda) all’elettronica e registrazioni, e l’altro duo d’eccezione formato da Viv Corringham e Mike Cooper, che incrociano le proprie ricerche sulle espressioni più astratte della voce e del suono con le sonorità toccanti dei rebetes.
Nel pomeriggio di domenica sarà proiettato un prezioso documentario sulla storia del rebetiko.

link:
http://www.rebetiko.gr/en/index.php
http://www.kyriakides.com/
http://www.myspace.com/andymoortheex
http://www.vivcorringham.org/
http://web.mac.com/cooparia/iWeb/Site/welcome.html

Festival – Concerti autunnali:
http://www.aninsolentnoise.com/

———————

CARLA BOZULICH’S EVANGELISTA(Can / Constellation)

MERCOLEDI 23 NOVEMBRE ORE 22

CARACOL
via Battichiodi 8/10
PISA

In collaborazione con l’ Associazione Studentesca “MICROWAVES”

INGRESSO:

5 € INTERO
GRATIS PER STUDENTI MUNITI DI LIBRETTO

Dopo aver curato una giornata del prestigioso Donau Festival, dove ha invitato Laurie Anderson, David Tibet e Lydia Lunch oltre ad aver realizzato un’installazione sonora nella chiesa medievale di Minoritenkirche, Carla è tornata negli USA per lavorare al disco nuovo, “In Animal Tongue”. Uscito ad ottobre su Constellation, lo presenterà in tour a novembre, con band al completo.

ecco la presentazione : http://goodfellaspromo.blogspot.com/2011/09/ritorna-il-progetto-evangelista-con-un.html

ed ecco una prima rece su Rumore: “Quando Carla Bozulich prende un microfono in mano sembra farlo con la deliberata intenzione di strapparti la carne di dosso. Lei vuole il sangue e la sua musica sembra essere l’antidoto perfetto per risvegliare anche l’ascoltatore più anestetizzato… rock destrutturato, ruvidità post-punke vocalizzi più o meno improvvisati che si concedono alla melodia con l’unico fine di fare male… In Animal Tongue è un ottimo album e Carla un artista necessaria” (7), Luigi Mutarelli

Live at donaufestival 2011:
http://www.youtube.com/watch?v=AiRQIzmWyK8
http://www.youtube.com/watch?v=pnvApm85XSQ

Del precedente si era detto…
“Con Prince Of Truth, Carla Bozulich firma il secondo album a nome Evangelista, portando questa esperienza ai vertici del suo spettro emozionale, grazie ad una forma scritta più coesa e ad un impatto lirico come sempre notevole. Curioso ed accidentato il percorso che ha portato a questo nuovo disco per la canadese Constellation, ormai divenuto indirizzo conosciuto per l’artista di base a Los Angeles. E’ infatti al celebre Hotel2Tango di Montreal – luogo di riferimento per buona parte degli artisti del roster – che si svolge una prima e fondamentale seduta, protagonisti i collaboratori che da diverso tempo a questa parte gravitano attorno al progetto Evangelista, formazione quanto meno aperta. I nomi sono quelli di Shahzad Ismaily, Lisa Gamble, Thierry Amar, Nadia Moss e Ches Smith (lo straordinario batterista che ha anche suonato con Marc Ribot e Secret Chiefs 3). Durante il secondo giorno le registrazioni assumono un tono drammatico, l’infezione alla gola contratta in tour da Carla si traduce in polmonite, con la cantante costretta a ritirarsi in California, con le tracce rudimentali di quello che poi diverrà Prince Of Truth. Quello che accade nei successivi due mesi è un puntualissimo lavoro di ricostruzione, partendo proprio da quelle sessions. Carla, Tara e Dominic lavorano incessantemente alla post-produzione, con l’ingresso addizionale di celebrità locali quali Nels Cline (Wilco) e Jessica Patron. Quello che ne deriva è un ulteriore passo nel baratro del cantautorato più nero, con Carla che continua a proporsi come la più credibile risposta avantgarde allo smisurato genio poetico di una Patti Smith. Prince Of Truth è dunque un disco che fa secche tradizione e ricerca, in un continuum spazio-temporale che ripercorre oltre trent’anni di musica americana, dalla canzone di protesta al post-punk, fino a lambire le soglie del noise più sperimentale. Una delle interpreti più originali del nostro tempo, la Bozulich farà ancora venire la pelle d’oca a più di un religioso sostenitore” Blow Up

www.evangelistasounds.com
http://cstrecords.com/evangelista-carlabozulich/

———————————————————————————————————–

IMPROVVISAZIONE A BERLINO:

venerdì 2 dicembre, ore 22
Circolo Caracol 2.0, via San Martino 69, Pisa

MORSAL
Andrea Neumann – Innenklavier
Clayton Thomas – contrabbasso, oggetti

DOPPELMOPPEL
Conny Bauer – trombone
Johannes Bauer – trombone
Uwe Kropinski – chitarra acustica
Helmut “Joe” Sachse – chitarra elettrica

Fin dagli anni Sessanta la scena tedesca dell’improvvisazione ha costituito uno dei movimenti più vitali e dirompenti in Europa, e Berlino in particolare un crocevia di scambio e sviluppo di idee nuove, tra improvvisazione “radicale” e impiego di nuove tecnologie. Alla realtà di questa città An Insolent Noise dedica quest’anno una serata, ospitando a Pisa due gruppi appartenenti a generazioni diverse. In occasione del trentennale della sua fondazione sarà di scena Doppelmoppel, storica formazione dell’ex Germania dell’est: un quartetto del tutto atipico (due tromboni e due chitarre, il nome viene da un gioco di parole che vuol dire all’incirca “due volte la stessa cosa”), capace di riempire all’epoca della sua nascita le sale da concerto da entrambe le sponde della Germania divisa, e che ben rappresenta lo spirito anarchico e irregolare dei quattro grandi improvvisatori che lo compongono. Morsal è invece il duo formato da Andrea Neumann e Clayton Thomas, due giovani esponenti dell’esplosiva scena berlinese degli ultimi anni, ormai centro di raccolta di una nuova generazione di improvvisatori europei e non: il contrabbasso di Thomas, australiano ma residente da anni a Berlino, incontrerà lo Innenklavier elaborato da Neumann (una sorta di pianoforte modificato e ridotto alle sue strutture meccaniche interne) in un set elettroacustico dedicato all’esplorazione del suono delle corde.
Con la gentile collaborazione del Goethe Institut e dell’Associazione Culturale Italo-Tedesca di Pisa.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Link:
http://www.connybauer.de/en/ensemblesprojekte/doppelmoppel
http://www.ausland-berlin.de/andrea-neumann
http://www.myspace.com/doubleclayton

Festival – Concerti autunnali:
http://www.aninsolentnoise.com/

———————————

8 DICEMBRE 2012 ORE 22

TIM HECKER (Can / Kranky) LIVE

CARACOL 2.0
Via S. Martino, 69
PISA

Ingresso 10 € Riservato Soci Arci

Fa tappa a Pisa il tour di Tim Hecker, musicista e artista del suono di Vancouver che oggi risiede a Montreal. Dal 1996 produce lavori audio per etichette come Kranky, Alien8, Mille Plateaux, Room40, Force Inc, Staalplaat e Fat Cat. La sua musica, definita “ambient strutturata” o “cattedrale di musica elettronica”, esplora l’intersezione tra rumore, dissonanze e melodie, nutrendo un approccio fisico ed emotivo verso le composizioni. Il suo Radio Amor viene riconosciuto da Wire come disco chiave del 2003, mentre Harmony in Ultraviolet (2006) riceve il plauso ad ampio raggio della critica ed entra nella classifica di Pitchfork come miglior registrazione dell’anno. Tim Hecker lavora anche per compagnie di danza contemporanea, compone, realizza installazioni di sound-art e produce minimal techno sotto il nome d’arte Jetone. Le sue performance dal vivo toccano i festival più importanti al mondo, come Sonar, Mutek, Primavera Sound, Victoriaville, Vancouver New Music Festival e Transmediale.

RAVEDEATH, uscito su Kranky a marzo 2011, è il disco definitivo di questo straordinario artista canadese.

“Dalla densa ma vividissima coltre che avvolge il lavoro in un bozzolo di inquietudine ed eccitazione, affiorano simulacri di rumore e sample crepitanti, ma anche sorprendenti frammenti di serenità pianistica e profonde immersioni ambientali, che coniugano in una sintesi magistrale anime sovente lasciate separate da artisti operanti in ambito affine (si pensi alle texture romantiche e alle amplificazioni droniche di Eluvium)…
Tim Hecker ha forse qui edificato il suo capolavoro. Un’opera densa e multiforme, che abbraccia stili diversi e tocca precordi difficilmente avvicinabili. L’autore canadese coglie pienamente nel segno, plasmando la materia ambientale con un tocco ruvido e nel contempo pregno di romanticismo. è musica per chiudersi e riaprirsi, per liberare la mente e il cuore alla contemplazione dell’infinito ” ondarock, disco del mese di marzo (8/10)

http://www.sentireascoltare.com/recensione/8255/tim-hecker-ravedeath-1972.html

www.sunblind.net

info@overflowproject.it

—————–

9 DICEMBRE 2011 ORE 22

ZOLA JESUS LIVE

CARACOL 2.0
V. S. Martino 69
PISA

Ingresso 15 € Riservato Soci Arci

Quattro date a Dicembre per ZOLA JESUS, che presenterà il nuovo album ‘Conatus’.
Zola Jesus suonerà il 6 Dicembre al Circolo Magnolia di Segrate (MI), il 7 al Covo di Bologna,
l’8 al Circolo degli Artisti di Roma, e il 9 al Caracol 2.0 di Pisa.

Zola Jesus si muove tra gothic rock, electro-pop, industrial e musica classica,
con uno stile oscuro e potente che rimanda al passato di Siouxsie and the Banshees,
e al presente di Fever Ray e Florence and the Machine.

‘Conatus’ è il terzo album di Zola Jesus, pubblicato in Italia da Souterrain Transmissions / Self / Sunnybit.

Special guest del tour italiano di Zola Jesus sarà la band neozelandese BACHELORETTE (www.particletracks.com/bachelorette),
giunta al terzo e omonimo album su Souterrain Transmissions / Self / Sunnybit.
I Bachelorette sono il progetto dream pop di Annabel Alpers, definito: “a one-woman version of Animal Collective.”

Streaming del video di ‘Vessel’, primo singolo estratto da ‘Conatus’ di ZOLA JESUS –
http://vimeo.com/30014047

Download mp3 di ‘Vessel’, primo singolo estratto da ‘Conatus’ di ZOLA JESUS –
http://www.souterraintransmissions.com/souterrain/artist_free_downloads.jsp?artist=16400

Gothic rock, electro-pop, industrial, classica: tutte definizioni che si adattano a descrivere la musica di Zola Jesus, nome d’arte della cantautrice russo/americana Nika Roza Danilova (appena 22 anni), nata a Phoenix, Arizona. Il suo stile si avvicina a quello di Florence Welch (Florence and the Machine) di Siouxsie and the Banshees e dei The Creatures, ma porta alla memoria le migliori Patti Smith e Kate Bush, con un occhio verso le velleità vocali di Diamanda Galàs. I media la dipingono come la versione alternativa di Lady Gaga, nemesi oscura e minimale dell’eroina della pop music. Zola Jesus ha appena pubblicato il nuovo lavoro ‘Conatus’, terzo full lenght edito in Europa.

La piccola Nika inizia a studiare canto a sette anni, avvalendosi di dischi che insegnavano la lirica. Poi prega i suoi genitori di mandarla a scuola di canto lirico, dove segue i corsi per 10 anni. Da adolescente viene attratta dalla musica rock e sceglie il suo nome d’arte; Zola, come omaggio allo scrittore francese Émile Zola, e Jesus, ispirandosi alla figura cardine della religione cattolica.
Comincia a comporre musica in casa, con una drum machine e delle tastiere, e nel 2008 debutta con il singolo ‘Poor Sons’. Dopo un corso di studi di economia, si iscrive all’università del Wisconsin per studiare francese e filosofia. Durante i corsi universitari compone e registra il suo full lenght d’esordio ‘The Spoils’. Dopo la pubblicazione dell’esordio inizia il suo primo tour e una stretta collaborazione con i Former Ghosts e Fever Ray dei The Knife. Nel 2010 pubblica l’EP ‘Stridulum’ (ispirato dal film omonimo di Giulio Paradisi del 1978), a cui segue l’EP ‘Valusia’.

La voce di Zola Jesus, formata da anni di studio lirico, e la sua musica eterea, potente, elettronica e melodica, creano un mix unico e originale. Il suo secondo album, ‘Stridulum II’ (su cui sono presenti i brani dell’EP ‘Stridulum’, e alcuni inediti), è salutato come “capolavoro dark” da NME, e prende il massimo dei voti su Pitchfork. Zola cambia di continuo, e il suo look è specchio delle novità che impreziosiscono i nuovi lavori. Da un look gotico – capelli neri, abiti scuri, make up ‘smoked’ – passa ad un aspetto più luminoso e sofisticato, con capelli biondissimi e outfit giocato sui toni del bianco e del grigio. Il 2011 è l’anno di ‘Conatus’, un gioiello di emozioni elettroniche capace di muoversi con disinvoltura tra synth, drum machine e strumentazione rock, ma dove a primeggiare è sempre l’inconfondibile voce dell’artista nota come Zola Jesus.

ZOLA JESUS Info:
www.zolajesus.com
www.facebook.com/zjzjzj
ZOLA JESUS photo:
www.souterraintransmissions.com/souterrain/artist_photos.jsp?artist=16400

BACHELORETTE Info:
www.particletracks.com/category/news/
www.facebook.com/pages/Bachelorette/64244807149
BACHELORETTE photo:
www.souterraintransmissions.com/souterrain/artist_photos.jsp?artist=23920

Info e prevendite: info@overflowproject.it www.facebook.com/caracol.pisa

—————————————————————————————————————–

15 DICEMBRE 2011 ORE 22

I CANI IN CONCERTO

CARACOL 2.0
Via S. Martino, 69
PISA

Ingresso 10 € Riservato Soci Arci

Si è chiusa con un incredibile bagno di folla al Viper Theatre di Firenze la prima tranche del tour de I Cani, la band rivelazione del 2011.
Undici date “sorprendenti” – per usare un termine tanto caro a I Cani – che hanno fatto registrare un’incredibile serie di sold out in prevendita e al botteghino.
Partito l’otto ottobre 2011 dal Circolo degli Artisti, il tour ha continuato a mietere successi concerto dopo concerto.
Al tutto esaurito di Roma si sono aggiunti quelli di Bologna (due date al Covo), Milano, Perugia, Brescia, Torino, Conegliano Veneto e ancora Roma.

Ottimi risultati anche per le date di Trieste e Firenze che hanno permesso a I Cani di raggruppare sotto il loro palco un totale di circa cinquemila spettatori.
Un risultato inaspettato che moltiplica gli ottimi riscontri discografici e mediatici ottenuti dal loro album d’esordio.
Dopo una breve pausa la band riprenderà a suonare da Marostica, giovedì 24 novembre, per poi proseguire fino a fine 2011.
Alle date annunciate in precedenza si aggiunge un evento speciale previsto per il 30 novembre alla Maison Musique di Rivoli (Torino), all’interno del festival “Rivolution”. Un concerto unico in compagnia di IOSONOUNCANE, fresco vincitore del Premio Fuori dal Mucchio per il migliore album d’esordio dell’anno.

Sono bastate due canzoni pubblicate su YouTube un anno fa ad accendere la curiosità: chi sono I Cani?
Chi si nasconde dietro queste storie di giovani pariolini tutti motorini e cocaina? Chi è che vuole vivere in un film di Wes Anderson?
Piano piano sono cominciate ad arrivare le risposte: I Cani sono la rivelazione italiana del 2011. Tutti ne parlano, tutti vogliono saperne di più. Da Rolling Stone a XL, dal Fatto Quotidiano a Vanity Fair. E non finisce qui.

“Il sorprendente album d’esordio de I Cani” è uscito nei negozi di dischi il 10 giugno per 42 Records, visto il grande successo sta per essere ristampato e ripubblicato con distribuzione Universal.

Adesso parte la seconda tranche di date che vede toccare anche Pisa con il concerto al Caracol 2.0.

Come sono I CANI live? http://www.youtube.com/watch?v=PbhntsRkX2Q

Oppure, per dirla come Rumore nella recensione del loro debutto a Milano: “Grandiosi come solo I Massimo Volumo o i CCCP degli esordi”

Info prevendite (caldamente consigliate): info@overflowproject.it

I biglietti sono già disponibili anche al Caracol di via Battichiodi 8/10 a Pisa

No comments yet»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: